Rassegna

STAMPA

VINCENZO CECCARELLI

VINCENZO CECCARELLI

“Potenziare gli ospedali periferici”

Consiglio regionale, approvata mozione per il potenziamento degli ospedali periferici

Ceccarelli (Pd): “Sono strutture fondamentali per le comunità di riferimento e per tutto il sistema sanitario”

Potenziare la rete degli ospedali periferici individuando nel bilancio regionale del 2021 e degli anni successivi le risorse economiche necessarie. E’ questo il dispositivo della mozione approvata all’unanimità dal Consiglio regionale della Toscana che impegna la Giunta regionale ad azioni concrete per il rafforzamento delle strutture ospedaliere minori situate nelle aree periferiche, montane e insulari.

“La Regione si impegna a valorizzare gli ospedali minori – spiega Vincenzo Ceccarelli, capogruppo PD in Consiglio regionale – queste strutture sono state un punto di riferimento fondamentale per i servizi socio sanitari territoriali e anche nell’emergenza sanitaria legata al covid hanno saputo dare risposte importanti.”

“Noi crediamo che gli ospedali periferici debbano essere salvaguardati e possibilmente potenziati perché negli anni si sono mostrati fondamentali per l’attuazione delle politiche socio sanitarie nel territorio e per garantire a tutti i cittadini toscani, siano residenti in una grande città o in un piccolo borgo montano, l’universalità dei servizi e l’uguaglianza nell’accesso alle prestazioni sanitare – continua Ceccarelli –  Inoltre l’esperienza di questi mesi ha mostrato chiaramente come la presenza di presidi ospedalieri diffusi ed efficienti permetta di impegnare i poli ospedalieri principali nella lotta all’emergenza.”

“Chiediamo alla Giunta regionale che ci sia un piano di investimenti per gli ospedali periferici, già a partire dal 2021 ma soprattutto con uno sguardo ai prossimi anni – conclude il capogruppo dem – anche perché grazie al Recovery Fund arriveranno nel nostro paese e anche nella nostra Regione risorse economiche importanti che dovranno essere utilizzate per il rafforzamento della sanità pubblica.”

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest