Rassegna

STAMPA

VINCENZO CECCARELLI

VINCENZO CECCARELLI

Aree interne. Rilanciare le politiche nazionali e regionali con misure concrete

Modifiche al PSR, fondo per la montagna e risorse per le attività economiche che operano in zone montane. Il Consiglio regionale individua le priorità per le politiche di sostegno alle aree interne.

“Il nostro obiettivo è ottenere il rilancio della Strategia nazionale Aree Interne lanciata dal Governo alcuni anni fa e il potenziamento delle politiche regionali per il sostegno alle aree interne anche per evitare che queste aree già in difficoltà dal punto di vista economico e sociale si indeboliscano ulteriormente per via della crisi legata dall’emergenza sanitaria. Per questo in Consiglio regionale abbiamo individuato le principali misure da mettere in campo.”

Così il consigliere regionale Vincenzo Ceccarelli, componente della Commissione consiliare per il sostegno, la valorizzazione e la promozione delle aree interne della Toscana illustra i contenuti della risoluzione approvata all’unanimità dall’Assemblea toscana sulle misure di sostegno delle aree interne della Toscana, a seguito della crisi sociale ed economica provocata dalla pandemia da COVID-19.

“Per quel che riguarda le politiche regionali – spiega Ceccarelli – chiediamo lo scorrimento delle graduatorie del Bando 2020 per il sostegno alle imprese del Sistema Neve e soprattutto quelle del Fondo regionale per la Montagna con il quale nel 2020 sono già stati finanziati circa 20 progetti grazie ai 2,2 milioni di euro stanziati dalla Regione ma ci sono ancora da finanziare 8 progetti di Unioni dei Comuni e 14 progetti dei Comuni. Inoltre, nei prossimi anni sarà centrale il ruolo del Programma di Sviluppo Rurale, per questo proponiamo, a partire dall’anticipazione 2021-2022, un aumento delle risorse per il settore forestale, per il sostegno ai giovani agricoltori, per le aziende agricole che operano in zone montane. La piena attuazione delle misure per le progettualità dei comuni montani e con alti indicatori di disagio e la lotta al divario digitale con la diffusione capillare in tutto il territorio regionale della connessione veloce.”

“Abbiamo iniziato questa legislatura mettendo tra i principali obiettivi quello di una Toscana più coesa,  e l’istituzione di una Commissione apposita per la tutela e la valorizzazione delle aree interne va in questa direzione – conclude il capogruppo dem – Nel documento approvato dal Consiglio regionale ci sono richieste e impegni precisi che chiediamo al Governo e alla Giunta regionale con l’obiettivo di riprendere e potenziare politiche in grado di investire sulla promozione e sulla tutela della ricchezza del territorio e delle comunità locali, valorizzando le risorse naturali e culturali, favorendo il recupero del patrimonio edilizio, storico artistico e naturalistico, garantire una adeguata rete di servizi, creando nuovi circuiti occupazionali e nuove opportunità, anche come una nuova possibilità di sviluppo nel post pandemia da Covid-19.”

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest